martedì 20 dicembre 2016

Dal disegno al racconto!


Complimenti perchè state diventando priprio dei bravi scrittori!
Seguendo il video, disegniamo questo speciale protagonista e poi proviamo a mettere in pratica i "trucchi" che abbiamo scoperto.

lunedì 19 dicembre 2016

Analisi degli aggettivi qualificativi

Aiutiamo la signora Grammatica ad  analizzare gli aggettivi ! 

Gli aggettivi ci indicano le qualità dei nomi



domenica 11 dicembre 2016

IL PRESENTE DEL VERBO ESSERE

RICORDA: la terza persona singolare del verbo essere si scrive con l'accento=è
la CONGIUNZIONE si scrive senza accento e = collega, aggiunge

Scheda sul verbo essere


martedì 6 dicembre 2016

L'autunno: dall'osservazione alla descrizione.

Siamo pronti! 

Finalmente la semina!

Approfittiamone per gustare le meraviglie dell'autunno.


occhio-immagine-animata-0281



Con occhi bene aperti cogliamo le fantastiche sfumature dei colori autunnali che rendono unico il paesaggio che ci circonda e osserviamo i cambiamenti dell'ambiente.  Ma se proviamo a chiuderli, potremo avvertire anche il tiepido sole che accarezza la  pelle, o il vento che gioca con i nostri capelli.




Non lasciamoci sfuggire gli odori inconfondibili di questa stagione....







....se ci fermiamo un attimo potremo anche cogliere la MELODIAche ogni giorno viene preparata dalla natura CON I SUOI STRUMENTI


L'autunno è per noi una stagione stupenda, timida  e calma come una persona riservata, ma piena di sorprese: scopriamole!!!


martedì 29 novembre 2016

La descrizione


IL TESTO DESCRITTIVO è un testo che descrive con le parole  forme, dimensioni, colori, suoni, profumi, sapori e rumori di tutto ciò che ci circonda.
Si possono decrivere    PERSONE, ANIMALI, COSE E AMBIENTI.
Per descrivere  si usano:
  • AGGETTIVI QUALIFICATIVI 
  • DATI SENSORIALI (informazioni che derivano dai sensi: vista, odorato, gusto, tatto, udito e emozioni)
  • SIMILITUDINI/PARAGONI 
 
 








Descrivere l'aspetto fisico di una persona
Presentarsi

venerdì 18 novembre 2016

GLI AGGETTIVI QUALIFICATIVI

La signora Grammatica ci aiuterà a conoscere gli aggettivi qualificativi: parole che aggiungono  “qualità” al nome con cui si accompagnano.
aggettivi_definizione.pdf

gli aggettivi qualificativi 
gli aggettivi dell'autunno
trova l'aggettivo
trova un nome
completa la tabella

filastrocca_dei_contrari.pdf
aggettivi_e_nomi.pdf
riconoscere_aggettivi_qualificativi2.pdf
riconoscere_aggettivi_qualificativi4.pdf
raccolta di schede didattiche sugli aggettivi sinonimi utili per l'arricchimento del lessico e le descrizioni

martedì 25 ottobre 2016

martedì 18 ottobre 2016

Le parole in ce, ge, sce e cie, gie, scie.

        Con I o senza I  ?

Le sillabe -CE, -GE e  -SCE si scrivono di solito  senza la i  (cenere, generale, scena )
Fanno eccezione:
  • I plurali delle parole che al singolare terminano in -CIA o -GIA preceduti da vocale (farmacie..)
  • SCIENZA e i suoi derivati
  • COSCIENZA e i suoi derivati (ma non CONOSCENZA)
  • IGIENE e i suoi derivati
  • USCIERE e SCIE
  • Alcune parole che vogliono la i: arciere, braciere, cielo, cieco, crociera, deficienza, efficienza, formaggiera, igiene, raggiera, società, specie,  superficie, sufficienza, insufficienza.
  • Alcune parole infine possono scriversi sia con la i, sia senza i: pasticciere/pasticcere, effigie/effige.



Se ci sono dubbi, la cosa migliore, in questi casi, è consultare sempre il dizionario.

CE/CIE, GE/GIE, SCE/SCIE:  
REGOLA ED ESERCIZI 

esercizio online1 
esercizio online2 

In arrivo lo scienziato incosciente

 

Pronti per una nuova  avventura nell'isola dell'ortografia?

Ci aspetta lo SCIENZIATO INCOSCIENTE. 

Chi non supera le sue prove si trasforma in SCIMMIA LASCIA-I.

Mettiti alla prova qui

Se hai bisogno ripassa la regola QUI

domenica 16 ottobre 2016

IL NOME SINGOLARE E PLURALE

Il NOME è una parola VARIABILE, cioè può cambiare forma per indicare:
  • un diverso GENERE (FEMMINILE O MASCHILE)  
  • o un diverso NUMERO (quantità: SINGOLARE o PLURALE)
Esistono alcuni nomi con plurali particolari e con questi esercizi si può fare un po’ di ripasso.
Da ricordare:
  • Alcuni nomi, ad esempio quelli che terminano con una vocale accentata, non cambiano forma passando dal singolare al plurale (es.: città, virtù), in questi casi il numero si capisce dall'articolo e questi nomi si chiamano INVARIABILI
  • I nomi che terminano al singolare con cia gia, al plurale terminano  con cege se davanti a cia o gia c’è una CONSONANTE (es.: roccia – rocce)
  • I nomi che terminano al singolare con cia o gia al plurale terminano con cie o gie se davanti a cia o gia c’è una VOCALE (es.: camicia – camicie)
  • Alcuni nomi che, al singolare, sono di genere maschile , al plurale diventano femminili (es.: paio – paia, uovo – uova ).
ESERCIZI ITALIANO SCUOLA PRIMARIA
Se abbiamo capito ora siamo in grado di fare l'analisi dei nomi che incontriamo. 
Seguiamo questo schema: